SwiSCI-Host | SPF
SwiSCI-Host | SPS

Mobilità e mezzi ausiliari

Cucina con altezze regolabili – Un grande aiuto per le persone in carrozzina

Garantire il finanziamento dei mezzi ausiliari

In Svizzera i mezzi ausiliari più importanti per la vita quotidiana sono finanziati in ampia misura dall’AI. Lo studio SwiSCI ha rivelato che l’esigenza di una carrozzina manuale per l’uso quotidiano è coperta per il 95% dei partecipanti, mentre gli adeguamenti dell’automobile sono presi a carico nel 92% dei casi. [1]

La situazione è tuttavia diversa per quanto concerne ausili aggiuntivi per compiere attività diverse. Ad esempio i propulsori elettrici complementari, le handbike o le carrozzine sportive sono stati acquistati il più delle volte interamente a spese dei diretti interessati. “Ciò rappresenta un grosso problema economico per molti“, afferma Peter Reichmuth della Orthotec AG.

Anche per quanto riguarda gli adeguamenti e i mezzi ausiliari domestici esiste una cosiddetta “esigenza non coperta”. Nel già citato studio SwiSCI il 48% dei partecipanti ha affermato di non avere certi adeguamenti tuttavia necessari, in particolare per quanto concerne gli adeguamenti in cucina, ad esempio per le credenze, i piani di lavoro e i lavelli di altezza regolabile. [2]

In questo contesto si rivelano sempre più importanti le fondazioni che si impegnano a fornire alle persone con para e tetraplegia i mezzi ausiliari di cui hanno bisogno. La Fondazione svizzera per paraplegici offre sostegno alle persone colpite nei casi più gravi, prendendo in parte a carico i costi per gli ausili, le apparecchiature e gli impianti.

Si osservano nuovi sviluppi nell’ambito dei mezzi ausiliari elettronici. Grazie alla mediazione della Fondazione svizzera per paraplegici, nel dicembre 2016 i due maggiori fornitori nazionali si sono associati: la Fondazione svizzera per le teletesi FST e la Active Communication AG. Tale riorganizzazione rende possibile ad esempio un ventaglio di offerte più ampio, l’eliminazione dei costi sostenuti a proprio carico e il perfezionamento dei mezzi ausiliari elettronici per le persone con disabilità. [3]

Riferimento

  • [1] Jordanne Florio, Ursina Arnet, Armin Gemperli, Timo Hinrichs, for the SwiSCI study group: Need and use of assistive devices for personal mobility by individuals with spinal cord injury. The Journal of Spinal Cord Medicine. 2016 Jul;39(4):461-70.
  • [2] Anneke Hertig-Godeschalk, Armin Gemperli, Ursina Arnet, Timo Hinrichs, for the SwiSCI study group: Availability and need of home adaptations for personal mobility among individuals with spinal cord injury. The Journal of Spinal Cord Medicine, published online 30 Mar 2017.
  • [3] Comunicato stampa FST e AC del 03.01.2017: http://www.activecommunication.ch/images/Kundenmitteilung_Reorganisation.pdf 

Tags: Mezzi ausiliari, Sovvenzione

Stampa

I cookie rendono più facile per noi fornirti i nostri servizi. Con l'utilizzo dei nostri servizi ci autorizzi a utilizzare i cookie.
Maggiori informazioni Ok